La lëigua lumbärda a scola. E l’emilian?

In Lumbardia la lëigua lumbärda l’é dré a dvintä una question seria. Prima roba, l’amministrassion regiunäla l’é a dré a ricunùss al lumbärd cmé la lëigua ufficiäla dla Region. E pò la völ propri fäg imparä ai ragass ad la scòla elementära un po’ dal dialëtt dal lumbärd dal post in dua i stan. E vist ca la Region la pöl mia decid i prugramma e il matterii da stüdiä, j’amministratur i han pinsä da tirä föra di sòd par fäg ascriv puesìi e canson sia ai ragass che a j’artista. Donca dòp ca al stät italian l’ha cassä il lëigui regiunäli föra dala pòrta, eccu che al lumbärd al vegna dëitar dala finestra. Pò la Region l’aiütarà anca j’üniversitä ch’ i vuran stüdia e fä stüdia al lumbärd.

Insumma, in Lumbardia la lëigua regiunäla la lasarà lé da vess admè la manera par cuntä dil barśalëtt vulgär, p’r insültä la gint, par dä di num a quälcadoi quand t’é nech o par bias’ciümä: l’é la manera da guardä il radiś d’una civiltä ca la siguita a ‘ndä inans sëisa ricurdäs d’in dua la vegna. L’é un elemëit identitäri. A sarìss mia bel se un dé anca l’Emilia Rumagna la fes l’istess cun ‘l piaśintëi e tüt i dialët d’ l’emilian e dal rumagnö?

Giurnäi e television i n’han mia parlä a bota, i han scritt e ditt quäśi gnint. Magäri parché a quälcadoi a g’ sa mia cär, magäri parché quälcadoi al g’ha pagüra ca di ätar i g’ van a dré. L’ünica roba ca la Rai l’é stä bona da fä l’é un servisi ala mattëina p’r intervistä un sëidic bargamasch ad la Lega, dmandäg da cantä Fratelli d’Italia e ricurdä ca par quälcadoi ‘l dialëtt (e däi cun’l dialëtt!!!) l’é una barrera contra j’immigrä (???). Ätra dmanda inteligìinta l’è: “Al lumbärd i g’han d’imparäl anca j’islamich?”. Mia i stranier, j’islamich. Tant cmé sa la religion la gh’intres quälcos cun cul discurs ché… Al titul da servisi a l’é “Lumbard – Noio volevam savuar”, cmé in cul film ad Totò: insuma, tant cmé dì ca mantign la lëigua regiunäla al fa rid. Menu mäl ca ‘l suciolug e scritur Claudio Risè l’ha scrit un bel articul in s’al Giornale ad Milan. Av cunsiglium da leśal.

Andiamo a comandare in dialetto piacentino

Se del tormentone estivo di Fabio Rovazzi, Andiamo a comandare, hanno fatto la traduzione in latino, perchè non tentare con quella in dialetto piacentino? Ecco allora Andum a cmandä.

Nota: comandare si può dire sia cmandä che cumandä.

Fotogramma del video di Andiamo a comandare. In dialetto piacentino Spavëit mia, ma cun ‘l mutur in tanginsiäla Andum a cmandä.

Spavëit mia, ma cun ‘l mutur in tanginsiäla… andum a cmandä!!!

Ca ‘l guärda siur Rovazzi
A g’ho in man la so cartéla
E g’ho da dig ca tra tüt i valur
A gh’é andä sö “l’andä a cmandä”
Am dispiäś

G’ho un prublema in d’la testa, la fünsiona a metä
D’ogni tant al pärta un son ca ‘l fa…
E ogni vòta ca ‘l ma pärta, sid imbarasant
Tant cmé cla vòta ca s’er al risturant e…
“Pösia pagät da bev?”
Lé la diś: “Va bëi”
Sulamëit ca quand a g’ dag al bicer
L’é una malatia, l’é periculuśa
Stim ala lärga, l’é cuntagiuśa

Sò mia sa sum mat o sum un geni
Fò i selfie śbarbatä tant ‘mé Gué Pequeno
A füm mia di spinéi, sum anca astemi
Spavëit mia, ma cun ‘l mutur in tanginsiäla
Andum a cmandä
Fò dil futugrafii cun ‘l me can
Andum a cmandä
Cun i savat in d’al bar
Andum a cmandä
Vëid da sfrüś acqua minaräla
Andum a cmandä
Andum a cmandä

G’ho un prublema in d’la testa, la fünsiona a metä
D’ogni tant al pärta un son ca ‘l fa…
E g’ho la testa c’ la gira cmé un kebab
A śmorś la müśica in d’la tò discuteca
“Rovazzi, che casu fät?”

Sò mia sa sum mat o sum un geni
Fò i selfie śbarbatä tant ‘mé Gué Pequeno
A füm mia di spinéi, sum anca astemi
Spavëit mia ma cun ‘l mutur in tanginsiäla
Andum a cmandä
Fò dil futugrafii cun ‘l me can
Andum a cmandä
Cun i savat in dal bar
Andum a cmandä
Vëid da sfrüś acqua minaräla
Andum a cmandä
Andum a cmandä

Arvëdas, prufesur

Immagine del professor Luigi Paraboschi in una conferenza

Luigi Paraboschi, ultimo studioso del dialetto piacentino. Foto: Piacenza Sera.

Oggi noi piacentini abbiamo perso un po’ della nostra cultura. Si è infatti spento questa mattina il professor Luigi Paraboschi, depositario della tradizione piacentina e massimo studioso del nostro idioma locale. Con lui se ne va un tesoro di preziose conoscenze che ricompongono la nostra storia attraverso i vocaboli, i proverbi e le espressioni idiomatiche del dialetto piacentino, le preghiere nella lingua dei nostri avi, la toponomastica del nostro territorio e l’onomastica dell’Emilia Romagna. Inestimabili frammenti di piacentinità  in parte salvati dall’oblio grazie alla sua opera e che meritano di essere custoditi per sempre.

Autore di vari testi riguardanti il dialetto piacentino e la cultura piacentina, solo poche settimane fa, insieme ad Andrea Bergonzi, Paraboschi aveva dato alle stampe il suo ultimo libro, “Prontuario ortografico piacentino”. Era infatti un grande divulgatore di  quel nostro piccolo mondo ormai prossimo al tramonto come fondatore della rivista di cultura locale l’Urtiga, docente dei corsi di dialetto e cultura piacentini organizzati dalla Famiglia Piasinteina – della quale era membro – e relatore di tanti convegni ai quali era invitato. Un patrimonio che ora sarà quasi impossibile trasmettere ai più giovani, ai curiosi e a chi vuole conoscere le nostre più profonde radici.

I cittadini di Piacenza e provincia gli sono debitoriper aver riconsegnato loro una ricchezza di incalcolabile valore.

Piacentino, una lingua che riemerge?

Un'insegna in dialetto piacentino in un locale tipico di Piacenza.

Un’insegna in dialetto piacentino in un locale tipico di Piacenza. Foto Massimo Mazzoni.

C’è una lingua in più che emerge guardando le insegne dei negozi e dei pubblici esercizi della provincia di Piacenza o le locandine affisse in giro. Accanto a parole internazionali come take away, food, kebap, wellness, fitness, beauty, store, market, beauté, coiffeur, maison, jardin, taberna, movida, siesta e a nomi propri cinesi o a quelli di località campane, turche e sudamericane appaiono termini che nulla hanno a che fare con i trend moderni portati dalla globalizzazione.

Una lingua nuova ma non così tanto: c’è sempre stata, è presente da secoli, e ora si sta riaffacciando in una selva di cartelloni, biglietti da visita e pagine Facebok. Ci riferiamo al dialetto piacentino. Dunque nuova soltanto nel suo impiego moderno, come strumento di marketing, a metà tra nostalgia e riscoperta dell’identità locale. Da qualche anno, e sembra con sempre maggior frequenza, tornano i nomi di sempre: la butiga, la cantëina, la cà, la patnadura, al calsulär, la bügadera, al pristinär, al maslär, i caratér. E poi la travisa, l’urtiga, la bisascudlära, la saraca, al voi e al deṡ mat. Sugli scafali dei supermercati sono in vendita i faṡö e il tumätis, mentre si è tornati anche a tastä la pisa come dicevano i nostri nonni fino a tre-quattro decenni fa. E qualche ustaria si sta riprendendo gli spazi sottratti dai wine bar. Anche la riappropriazione dei toponimi tradizionali, come la Muntä di rat, e di esortazioni, quale adès tacùm, fanno la loro comparsa sulle insegne. In radio abbiamo persino ascoltato alcuni interi spot in dialetto piacentino, così come nelle vetrine dei negozi a volte si scorgono cartelli, magari scritti a mano, con messaggi nella nostra particolare varietà linguistica emiliana. Iniziative commerciali o ricreative, magari rivolte ai più piccoli, U dasbrat (Bobbio), Fum Nadäl tüt insëma e Tuca a te (Piacenza), piuttosto che conviviali come La mangiäda in s’i sas, rievocano le usanze piacentine e la lingua che per secoli ha veicolato la comunicazione nel nostro territorio.

La lingua emiliana sul Guardian

Illustrazione della filogenesi delle lingue indoeuropee e uraliche a forma di albero.

L’albero delle lingue indoeuropee e uraliche.

Il quotidiano britannico the Guardian ha pubblicato alcune illustrazioni che mostrano le origini e le parentele delle lingue. Una di esse raffigura l’albero delle lingue indoeuropee e uraliche. Tra i suoi rami principali vi è quello gallo-italico, le cui fronde hanno i nomi di emiliano, lombardo, piemontese, ligure e veneto (a dire il vero il veneto oggi non è considerato di tipo gallo-italico). Sono inoltre indicate altre lingue non riconosciuto dallo stato italiano, quali quella siciliana e napoletano-calabrese. Tra quelle che in Italia godono di ufficialità sono assenti il friulano e il ladino, probabilmente comprese sotto il nome di romancio (insieme al romancio, esse fanno parte del gruppo retoromanzo) e il francoprovenzale, che in Italia è parlato in Valle d’Aosta; correttamente compaiono il sardo e l’occitano.

Dopo la tv regionale della Catalogna (ne avevamo parlato in questo post), arriva quindi un’altra forma di legittimazione della lingua emiliana anche dalla stampa britannica. Legittimazione che ha fondamenti linguistici, sebbene i piacentini, come tutti gli italiani, siano ancora convinti di parlare un dialetto dell’italiano.

 

Menu mäl ca sum piaṡintëin

Anca sa v’interesa mia al balon e si mia tifuṡ dal Piaṡëinsa, a sum sicür ca cul cartél ché al mëtarà d’acordi tüt.
L’uriginäl l’era stä invintä dal gueran britanic in dal 1939, a l’inisi d’la seconda guera mundiäla, e al dṡiva: “Keep calm and carry on” (Stì chiet/cälam e tirì inans). Al g’äva da ves una manera par incuragiä la gint a andä mia ṡu d’ muräl sa i tudësch i arìsan bumbardä la Gran Bretagna, ma ala fëin i n’ l’han mia mäi stampä e dat via. Po l’é saltä föra in dal 2000 e in dal 2012 i han tacä a druäl par fä püblicitä a un sagàt ad roba diversa. Poc ala vota, cun i social network, a l’é dvintä una mania in s’la red. Al dé d’incö i s’ pölan catä di sid web in dua i s’ mudifican i culur e la scrita par scriv di mesag’ persunaliṡa. Tant cmé cust ché di tifus dal Piace.

 

Menu mäl ca sum piasintëin

Menu mäl ca sum piasintëin

La lingua emiliana sui teleschermi spagnoli

Un lettore del blog Dialetto Piacentino ci ha segnalato questo video sulla lingua emiliana. Si tratta di un servizio andato in onda in Spagna su TV3, il canale pubblico regionale della Catalogna, che fa luce sulle differenze fra le varietà locali emiliane di tre città vicine: Modena, Bologna e Ferrara. Sarebbe stato troppo bello sentire il piacentino, ma accontentiamoci anche se ancora una volta ci sentiamo dimenticati…

Si noti che l’inviato non esita a definire lingua, e non dialetto, l’emiliano. Gli stranieri sono consapevoli che la nostra è una lingua (certo: non riconosciuta, non regolamentata e molto frammentata per questioni geografiche e storiche), noi invece insistiamo nel chiamarla dialetto emiliano.

Il video, trasmesso in tv alcuni anni fa, è in catalano.