Menu mäl ca sum piaṡintëin

Anca sa v’interesa mia al balon e si mia tifuṡ dal Piaṡëinsa, a sum sicür ca cul cartél ché al mëtarà d’acordi tüt.
L’uriginäl l’era stä invintä dal gueran britanic in dal 1939, a l’inisi d’la seconda guera mundiäla, e al dṡiva: “Keep calm and carry on” (Stì chiet/cälam e tirì inans). Al g’äva da ves una manera par incuragiä la gint a andä mia ṡu d’ muräl sa i tudësch i arìsan bumbardä la Gran Bretagna, ma ala fëin i n’ l’han mia mäi stampä e dat via. Po l’é saltä föra in dal 2000 e in dal 2012 i han tacä a druäl par fä püblicitä a un sagàt ad roba diversa. Poc ala vota, cun i social network, a l’é dvintä una mania in s’la red. Al dé d’incö i s’ pölan catä di sid web in dua i s’ mudifican i culur e la scrita par scriv di mesag’ persunaliṡa. Tant cmé cust ché di tifus dal Piace.

 

Menu mäl ca sum piasintëin

Menu mäl ca sum piasintëin

Daniele Ronda in s’al Giurnäl ad Milan

Ier in s’al Giurnäl ad Milan l’é vegn föra un articul c’ al pärla ad Daniele Ronda, al cantant ad Pudinsan c’ un po ad tëimp fa l’äva registrä un disc in piaṡintëin. In dal so discurs l’invida a vargugnäs mia dal piaṡintëin e di ätar lëingui ca siguitùm a ciamä dialët. E l’ha spiegä cus völ dì par lü parläl anca al dé d’incö.

Ecu cus al g’ha dit Ronda al giurnalista: «Fino a un po’ di tempo fa il dialetto era una cosa di cui vergognarsi, anche perché sapeva di vecchio e malinconico. Ora non è più così. Dietro al dialetto c’è un messaggio universale, col quale si esprime amore per il proprio territorio e per le proprie radici. Ne sono stra-convinto. Altrimenti non troverei gente in Sardegna piuttosto che in Calabria che ama i miei pezzi in dialetto piacentino, no?»

Sum sicür c’ al so penültim disc folk ad dü an fa, “La sirena del Po”, l’é sarvì a fä capì ai püsé giuan che al piaṡintëin al pö – e al g’ha – da esist anca in di an des dal Dümila. Par cul mutiv ché, sperùm c’ anca al prosim al sia in piaṡintëin dop “La rivoluzione” in italian.

"La sirena del Po", al vec' album ad Daniele Ronda cantä in pärt in piaṡintëin.

“La sirena del Po”, al vec’ album ad Daniele Ronda, cantä in pärt in piaṡintëin.

La lingua emiliana sui teleschermi spagnoli

Un lettore del blog Dialetto Piacentino ci ha segnalato questo video sulla lingua emiliana. Si tratta di un servizio andato in onda in Spagna su TV3, il canale pubblico regionale della Catalogna, che fa luce sulle differenze fra le varietà locali emiliane di tre città vicine: Modena, Bologna e Ferrara. Sarebbe stato troppo bello sentire il piacentino, ma accontentiamoci anche se ancora una volta ci sentiamo dimenticati…

Si noti che l’inviato non esita a definire lingua, e non dialetto, l’emiliano. Gli stranieri sono consapevoli che la nostra è una lingua (certo: non riconosciuta, non regolamentata e molto frammentata per questioni geografiche e storiche), noi invece insistiamo nel chiamarla dialetto emiliano.

Il video, trasmesso in tv alcuni anni fa, è in catalano.