La culmä, una tradizione scomparsa?

La culmä è una consuetudine che sicuramente si è mantenuta, soprattutto nei paesi della provincia di Piacenza, almeno fino all’inizio degli anni 90 del Novecento. Se sia sopravvissuta anche ai rilevanti cambiamenti sociali e lavorativi degli anni 2000 e 2010 non lo sappiamo.

In dialetto piacentino si definiva culmä la cena offerta agli operai di un’impresa edile una volta che la costruzione era ormai giunta al termine, a fine novembre o inizio dicembre in modo da evitare possibilmente il gelo e le nevicate. A pagarla era il committente della casa o, nel caso il progetto non fosse stato richiesto dal futuro proprietario, dall’impresario edile ai propri dipendenti. 
Quando i muratori arrivavano a costruire il tetto (al tic’), l’evento era festeggiato con una bella mangiata a base di piatti tipici piacentini. Ticiä significava proprio “costruire il tetto” e quando l’obiettivo veniva centrato si diceva infatti: “I müradur i han ticiä“.

Culmä, ossia “colmata” (appunto la colmatura del tetto) deriva dal latino culmus, cioè culmine o cima, che successivamente ha dato vita alla voce tardo-latina culmalia. E culmine, cima, punto più elevato in piacentino si dicono cùlam, che significa anche colmo del tetto, sommità (cùlam dal tic’ oppure culmìgna).

Le origini della culmä si rintracciano nelle abitudini contadine, quando prima dell’inverno si celebrava la fine dei lavori agricoli (fä la culmä). Allo stesso modo le mondine salutavano con una merenda e un ballo il ritorno a casa dopo la monda del riso. Questa tradizione era diffusa anche in altre province della Lombardia e del Piemonte, ad esempio nei dintorni di Pavia, nell’Oltrepò Pavese, in Lomellina e nel Monferrato, dove ricorrono le voci culmà, curmà e curmera per indicare anche la festa per la fine della mietitura, della vendemmia o di fine raccolto in genere e poi della realizzazione del tetto. Il termine curmàja è presente anche in novarese, dialetto della lingua lombarda, per definire la fine dei lavori nei campi. A Novi Ligure, nell’Alessandrino, curmaröi ha il significato di sommità del tetto e di cena per i muratori che hanno raggiunto quel traguardo.

Curmà o curmò sono termini dell’Appennino ligure posto a cavallo tra le province di Alessandria, Pavia e Piacenza, dai quali prende il nome A Curmà di Pinfri (La Colmata dei Pifferi), l’annuale raduno di suonatori di musica tradizionale delle Quattro Province che si incontrano nel comune di Cabella Ligure, nell’Alessandrino al confine con i comuni piacentini di Zerba e Ottone.

Immagine della costruzione di un tetto

La culmä, in dialetto piacentino “colmata”, indica la colmatura del tetto, dalla quale prende il nome la cena che il committente dei lavori paga ai muratori.

Cristina Cappellini, assessura regiunäla ala Cültüra in Lumbardia a Rai 3.

La lëigua lumbärda a scola. E l’emilian?

In Lumbardia la lëigua lumbärda l’é dré a dvintä una question seria. Prima roba, l’amministrassion regiunäla l’é a dré a ricunùss al lumbärd cmé la lëigua ufficiäla dla Region. E pò la völ propri fäg imparä ai ragass ad la scòla elementära un po’ dal dialëtt dal lumbärd dal post in dua i stan. E vist ca la Region la pöl mia decid i prugramma e il matterii da stüdiä, j’amministratur i han pinsä da tirä föra di sòd par fäg ascriv puesìi e canson sia ai ragass che a j’artista. Donca dòp ca al stät italian l’ha cassä il lëigui regiunäli föra dala pòrta, eccu che al lumbärd al vegna dëitar dala finestra. Pò la Region l’aiütarà anca j’üniversitä ch’ i vuran stüdia e fä stüdia al lumbärd.

Insumma, in Lumbardia la lëigua regiunäla la lasarà lé da vess admè la manera par cuntä dil barśalëtt vulgär, p’r insültä la gint, par dä di num a quälcadoi quand t’é nech o par bias’ciümä: l’é la manera da guardä il radiś d’una civiltä ca la siguita a ‘ndä inans sëisa ricurdäs d’in dua la vegna. L’é un elemëit identitäri. A sarìss mia bel se un dé anca l’Emilia Rumagna la fes l’istess cun ‘l piaśintëi e tüt i dialët d’ l’emilian e dal rumagnö?

Giurnäi e television i n’han mia parlä a bota, i han scritt e ditt quäśi gnint. Magäri parché a quälcadoi a g’ sa mia cär, magäri parché quälcadoi al g’ha pagüra ca di ätar i g’ van a dré. L’ünica roba ca la Rai l’é stä bona da fä l’é un servisi ala mattëina p’r intervistä un sëidic bargamasch ad la Lega, dmandäg da cantä Fratelli d’Italia e ricurdä ca par quälcadoi ‘l dialëtt (e däi cun’l dialëtt!!!) l’é una barrera contra j’immigrä (???). Ätra dmanda inteligìinta l’è: “Al lumbärd i g’han d’imparäl anca j’islamich?”. Mia i stranier, j’islamich. Tant cmé sa la religion la gh’intres quälcos cun cul discurs ché… Al titul da servisi a l’é “Lumbard – Noio volevam savuar”, cmé in cul film ad Totò: insuma, tant cmé dì ca mantign la lëigua regiunäla al fa rid. Menu mäl ca ‘l suciolug e scritur Claudio Risè l’ha scrit un bel articul in s’al Giornale ad Milan. Av cunsiglium da leśal.

Andiamo a comandare in dialetto piacentino

Se del tormentone estivo di Fabio Rovazzi, Andiamo a comandare, hanno fatto la traduzione in latino, perchè non tentare con quella in dialetto piacentino? Ecco allora Andum a cmandä.

Nota: comandare si può dire sia cmandä che cumandä.

Fotogramma del video di Andiamo a comandare. In dialetto piacentino Spavëit mia, ma cun ‘l mutur in tanginsiäla Andum a cmandä.

Spavëit mia, ma cun ‘l mutur in tanginsiäla… andum a cmandä!!!

Ca ‘l guärda siur Rovazzi
A g’ho in man la so cartéla
E g’ho da dig ca tra tüt i valur
A gh’é andä sö “l’andä a cmandä”
Am dispiäś

G’ho un prublema in d’la testa, la fünsiona a metä
D’ogni tant al pärta un son ca ‘l fa…
E ogni vòta ca ‘l ma pärta, sid imbarasant
Tant cmé cla vòta ca s’er al risturant e…
“Pösia pagät da bev?”
Lé la diś: “Va bëi”
Sulamëit ca quand a g’ dag al bicer
L’é una malatia, l’é periculuśa
Stim ala lärga, l’é cuntagiuśa

Sò mia sa sum mat o sum un geni
Fò i selfie śbarbatä tant ‘mé Gué Pequeno
A füm mia di spinéi, sum anca astemi
Spavëit mia, ma cun ‘l mutur in tanginsiäla
Andum a cmandä
Fò dil futugrafii cun ‘l me can
Andum a cmandä
Cun i savat in d’al bar
Andum a cmandä
Vëid da sfrüś acqua minaräla
Andum a cmandä
Andum a cmandä

G’ho un prublema in d’la testa, la fünsiona a metä
D’ogni tant al pärta un son ca ‘l fa…
E g’ho la testa c’ la gira cmé un kebab
A śmorś la müśica in d’la tò discuteca
“Rovazzi, che casu fät?”

Sò mia sa sum mat o sum un geni
Fò i selfie śbarbatä tant ‘mé Gué Pequeno
A füm mia di spinéi, sum anca astemi
Spavëit mia ma cun ‘l mutur in tanginsiäla
Andum a cmandä
Fò dil futugrafii cun ‘l me can
Andum a cmandä
Cun i savat in dal bar
Andum a cmandä
Vëid da sfrüś acqua minaräla
Andum a cmandä
Andum a cmandä

Insegnare il dialetto piacentino ai bambini?

Dedichiamo questo video a tutti i genitori, piacentini e non. In particolare a quei genitori che osteggiano l’apprendimento delle lingue regionali (“il dialetto”) da parte dei propri figli. A quei genitori, nonni, zii, insegnanti, babysitter ed educatori che ancora attuano una forma di censura nei confronti degli idiomi locali d’Italia, erroneamente considerati come corruzioni della lingua di Dante, vernacoli che ostacolano l’apprendimento dell’italiano, parlate che fanno fare brutta figura a scuola e in società, codici bassi e poco dignitosi che denotano scarsa istruzione. A tutti costoro chiediamo di prenderesi cinque minuti – ci si può fermare al minuto 4:48 – per sentire cosa suggerisce l’esperta ai genitori sull’insegnamento del “dialetto” ai bambini. L’esperta in questione si chiama Roberta D’Alessandro ed è una linguista dell’Università di Leida (Paesi Bassi).

Non sarà sfuggito che il titolo del video è “Il dialetto abruzzese”. Cosa c’entra allora con il piacentino? Tranquilli, non parliamo di abruzzese, visto che non ne sappiamo niente. Ma c’entra perchè basta sostituire l’aggettivo abruzzese con piacentino, bobbiese, ligure, emiliano, veneto, bellunese, salentino, reggino, siciliano, alessandrino, piemontese o quello che preferite.

Cliccate per scoprire che non farete alcun danno ai vostri figli se trasmetterete loro la lingua che i nostri antenati hanno parlato per secoli. Anzi…

 

Arvëdas, prufesur

Immagine del professor Luigi Paraboschi in una conferenza

Luigi Paraboschi, ultimo studioso del dialetto piacentino. Foto: Piacenza Sera.

Oggi noi piacentini abbiamo perso un po’ della nostra cultura. Si è infatti spento questa mattina il professor Luigi Paraboschi, depositario della tradizione piacentina e massimo studioso del nostro idioma locale. Con lui se ne va un tesoro di preziose conoscenze che ricompongono la nostra storia attraverso i vocaboli, i proverbi e le espressioni idiomatiche del dialetto piacentino, le preghiere nella lingua dei nostri avi, la toponomastica del nostro territorio e l’onomastica dell’Emilia Romagna. Inestimabili frammenti di piacentinità  in parte salvati dall’oblio grazie alla sua opera e che meritano di essere custoditi per sempre.

Autore di vari testi riguardanti il dialetto piacentino e la cultura piacentina, solo poche settimane fa, insieme ad Andrea Bergonzi, Paraboschi aveva dato alle stampe il suo ultimo libro, “Prontuario ortografico piacentino”. Era infatti un grande divulgatore di  quel nostro piccolo mondo ormai prossimo al tramonto come fondatore della rivista di cultura locale l’Urtiga, docente dei corsi di dialetto e cultura piacentini organizzati dalla Famiglia Piasinteina – della quale era membro – e relatore di tanti convegni ai quali era invitato. Un patrimonio che ora sarà quasi impossibile trasmettere ai più giovani, ai curiosi e a chi vuole conoscere le nostre più profonde radici.

I cittadini di Piacenza e provincia gli sono debitoriper aver riconsegnato loro una ricchezza di incalcolabile valore.

Alla ricerca dell’ortografia

Di ortografia del piacentino si parlerà questo fine settimana nel secondo e ultimo di due incontri sul dialetto che si terranno a Piacenza nella Sala Panini di palazzo Galli.

Si inizierà alle 18 di venerdì 5 con il convegno dal titolo “Lingua o dialetto”, durante il quale i relatori Luigi Paraboschi e Andrea Bergonzi prenderanno in esame la storia della nostra variante linguistica emiliana e gli studi fino ad ora condotti su di essa.

Ma è sabato 6, sempre alla stessa ora, che si entrerà nel vivo di uno spinoso argomento che spesso tiene banco sui social network non senza scaldare gli animi: l’ortografia. Nel corso di “Leggere e scrivere il piacentino” i due relatori, che hanno perfezionato l’Ortografia piacentina unificata, approfondiranno appunto questo aspetto indispensabile per ridare dignità al bistrattato dialetto. Ai partecipanti, che dovranno segnalare la propria presenza secondo le modalità indicate nella locandina sotto riportata, sarà distribuita una copia del Prontuario ortografico piacentino.

Locandina di "Stati generali dei dialetti - Studi in onore di Guido Tammi"

La locandina dei due convegni sul dialetto piacentino ospitati a palazzo Galli a Piacenza.

 

A scuola di bobbiese

Fa piacere scoprire che non sempre la scuola italiana ha pregiudizi nei confronti delle lingue locali. Un esempio positivo in questo senso viene da Bobbio.

Come ha riportato Libertà, il quotidiano di Piacenza, pochi giorni dopo la fine delle lezioni, durante l’anno scolastico gli studenti delle medie hanno potuto seguire un corso di dialetto bobbiese che li ha calati nella cultura linguistica del proprio territorio. Organizzata per il secondo anno consecutivo in collaborazione con l’associazione culturale Ra Familia Bubièiza, l’iniziativa ha riavvicinato i giovanissimi a quel repertorio orale e tradizionale che sulla montagna piacentina è messo a dura prova non solo dai fattori che hanno messo in crisi tutti i dialetti d’Italia, ma anche dallo spopolamento delle valli.

Quella di Bobbio è infatti una particolare varietà con propri elementi identificativi che lo distinguono non solo dai dialetti parlati nei settori orientali e centrali della provincia di Piacenza, ma anche dagli altri dialetti liguri o di transizione tra emiliano e ligure parlati sull’Appennino piacentino. Per il bobbiese, lo ricordiamo sono stati già pubblicati una grammatica e un vocabolario: dell’uscita di quest’ultimo, all’epoca, si occupò anche il quotidiano Il Giornale (leggi l’articolo).

Sarebbe apprezzabile che analoghi tentavi per mantenere in vita il piacentino venissere replicati anche a Piacenza e in altri comuni della provincia.

Stemma comunale di Bobbio (provincia di Piacenza)

Lo stemma municipale di Bobbio.